Alitalia sceglie Alberta Ferretti per le nuove divise per hostess e stewards. | Viaggi Manuzzi

Tu sei qui

Alitalia sceglie Alberta Ferretti per le nuove divise per hostess e stewards.

La stilista italiana celebra la collaborazione con Alitalia, firmando una capsule collection con il logo della compagnia di bandiera.

Dopo soli 2 anni dalla realizzazione delle tanto criticate divise in verde e rosso, realizzate da Ettore Bilotta, Alitalia sceglie un nuovo designer per l'immagine del suo equipaggio. Sarà l'italiana Alberta Ferretti a vestire hostess e stewards.

La presentazione lo scorso 15 giugno in occasione della Settimana della Moda. “Questo è un progetto unico ed emozionante che ho preso a cuore sin dal primo momento. Sono felice di presentarlo durante la Settimana della Moda di Milano in una cornice così ufficiale come Palazzo Reale in Piazza del Duomo”, ha dichiarato la stilista.

La virata è verso modelli più eleganti in blu scuro, realizzati in leggero fresco alana con un nastro tricolore che richiama il glorioso passato della compagnia e ne ribadisce l'italianità.

Alberta Ferretti è solo l’ultima dei tanti designers italiani scelti dalla compagnia di bandiera per creare le divise del personale: le prime? Le celebri Sorelle Fontana negli anni Cinquanta. Non dimentichiamo, fra gli altri, anche Mila Schon nel 1969 e nel 1972, Renato Balestra nel 1986 e Giorgio Armani nel 1991.

Speriamo che queste nuove mise portino fortuna ad ALITALIA!

La collaborazione tra i due marchi non finisce qui: la stilista ha realizzato le divise gratuitamente, ma ha ottenuto l'utilizzo del marchio per creare una capsule collection unisex, lanciata in contemporanea durante la settimana della moda. Questa piccola collezione nasce per celebrare la collaborazione con la compagnia di bandiera ed è composta da pochissimi pezzi, già molto desiderati: una maglia no season, una felpa e una t-shirt.  

L'avrete già vista indossata da blogger, celebrities ed influencer. Una su tutte? Chiara Ferragni ha già lanciato il tormentone sui social . . . vedere per credere!

 

Altri post dal Blog